LE PREPARAZIONI DI BASE

LE PREPARAZIONI DI BASE

CATAPLASMA: è un preparato molle che si applica sulla pelle per qualche minuto. Alcuni cataplasmi sono cicatrizzanti, altri emolienti altri ancora revulsivi.

COMPRESSA: garza o pezzuola che si applica sulla parte del corpo da curare, mantenendovela poi per un certo tempo. Deve essere preventivamente bagnata nel preparato che si vuole usare.

GARGARISMO: Serve a disinfettare e a lenire e non deve mai essere ingerito. È un preparato liquido per risciacquare bocca e gola.

IMPIASTRO: si presenta sotto forma semisolida e i modella sulla parte del corpo su cui si applica. È più aderente di una crema.

OLIO ESSENZIALE: sostanza altamente concentrata che viene estratta da piante aromatiche. È un composto volatile e odoroso estratto generalmente con la distillazione a vapore.

POLVERE: si ottiene triturando finemente, con l’aiuto di un mortaio o di un mulinetto, le piante essiccate o le loro parti attive. Le polveri vengono usate per preparare estratti o stemperate nell’acqua.

SCIROPPO: è un preparato da bere che si ottiene facendo cuocere un infuso o il prodotto di una macerazione. Vi si aggiungono zucchero o un aromatizzante.

TISANA: si ottiene usando l’acqua come diluente e seguendo tre metodi: decozione, infusione, macerazione. La tisana va sempre filtrata prima dell’uso:

  • Decotto: preparazione in cui vengono utilizzate droghe non aromatiche, che contengono principi attivi stabili al calore, quelle costituite da radici, cortecce, semi ed altre parti dure meno penetrabili all’azione dell’acqua calda.Si usa generalmente mettendo le droghe in acqua fredda che si porta poi ad ebollizione in un pentolino. Si lascia bollire dai dieci ai trenta minuti.
  • Infuso: preparazione utilizzata per tutte le droghe ricche di componenti volatili, di aromi delicati e di principi attivi che si degradano per l’azione combinata dell’acqua e del calore. Si usa versando acqua bollente sulla droga, generalmente foglie e fiori. Si lasciano le piante in infusione per cinque- dieci minuti e poi si filtrano. Il tempo di contatto con il calore influisce sul colore, sul gusto e sull’attività dell’infuso e può essere regolato da ciascuno a seconda dei propri gusti e necessità. È bene usare recipienti di ceramica, terracotta oppure smaltati. Si userà miele o zucchero per dolcificare. I principi attivi liberati dall’infusione sono spesso volatili, per cui è bene bere l’infuso al più presto.
  • Macerato: è un preparato liquido che richiede un lungo tempo di preparazione. Si mette la droga nell’acqua fredda, si copre il recipiente e si lascia riposare al fresco (non in frigorifero ) per una notte intera, a volte anche per parecchi giorni o settimane. La macerazione si può compiere anche nel vino, nell’alcool, nell’aceto o nell’olio, sempre a freddo.

UNGUENTO: preparato cremoso, frutto della mescolanza di principi attivi disciolti in elementi oleosi. Si spalma frizionando.

VINO: il vino medicinale si ottiene facendo macerare nel vino cortecce, radici o foglie di alcune piante (ad esempio è possibile preparare il vino di Cannella, di Genziana ecc).

COME SI CORREGGE IL GUSTO DI INFUSI, DECOTTI, TINTURE, POLPE E SUCCHI

mieleI veri cultori delle “erbe” provano soddisfazione a consumarle, diciamo, allo stato “grezzo”, senza zucchero od altro. Altri, che sentiranno maggiormente l’esigenza di bere un prodotto più gradevole, possono ricorrere a un dolcificante: miele, zucchero, saccarina ecc.

Il miele, ricco di zuccheri e di principi naturali derivanti dai pollini, si sposa perfettamente con tutti i preparati a base di erbe.

Zucchero raffinato, mannite e zucchero di latte, possono essere usati a piacere.

Chi ha problemi di linea può ricorrere alla compressa di saccarina o ad altri dolcificanti privi di calorie.
Anche la liquirizia è utile per coprire i gusti troppo amari, troppo intensi e prolungati.

I TERMINI BOTANICI

Piccolo dizionario dei termini botanici.

LE PROPRIETÀ DELLE ERBE

Piccolo dizionario sulle proprietà delle erbe.

Newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato con tutte le novità? Iscriviti subito alla newsletter di Naturalmente Erboristeria!

Pin It on Pinterest